0

Come modificare il diario di Facebook

Per coloro che utilizzano Facebook, con l’ormai consolidata presenza della nuova timeline, si rende necessario un Tutorial: come modificare il diario di Facebook.

Nel noto social network di Mark Zuckerberg, fino a qualche mese fa il profilo personale era un semplice contenitore di informazioni: l’immagine personale, gli studi fatti, il cosiddetto “stato sentimentale”, erano alcuni dei semplicissimi dati che l’utente era chiamato a compilare ( solo se voleva, ovviamente). Il resto era scrivere i post più disparati, commentare le foto dei nostri amici, o mettere il mi piace a foto di biondi procaci mentre la nostra fidanzata non era in quel momento collegata.

Tutto era semplice, fino a quando non arrivò il diario di Facebook. La nuova pagina del profilo personale, detta anche in inglese Timeline (linea del tempo) presenta l’elenco cronologico di tutte le attività effettuate su Facebook, dal giorno dell’iscrizione ad oggi. Riprendendo l’esempio precedente, se la mia fidanzata va a dare un occhiata al mese di dicembre del 2011, pizzica la foto della bionda con i miei complimenti annessi, ed io sono un uomo morto. A parte gli scherzi ( o le tragedie, fate voi), il diario di Facebook da in primo luogo un colpo alla nostra privacy, o quantomeno ci costringe ad un giro di vite sui nostri dati: se vogliamo che post o commenti del passato non siano più visualizzabili, dobbiamo correre ai ripari cancellandoli manualmente.

A parte questo intoppo, comunque, il concetto di diario, o meglio, di timeline, è stupendo: percorrere a ritroso i post e le foto pubblicate permette un tuffo nel nostro passato, ricordando situazioni della nostra vita che abbiamo impresso su Facebook e che ora tornano a galla come piacevoli ricordi.

Da un punto di vista strutturale, la prima cosa che si nota è l’immagine di copertina: oltre alla tipica foto del profilo, infatti, sulla timeline di Facebook è possibile mettere una immagine di copertina, larga almeno 720 pixel, che in qualche modo rappresenta i contenuti del nostro diario, o che magari non ha alcuna attinenza con noi, ma che ci piace solo dal punto di vista estetico. Per inserirla, basta cliccare sul tasto “modifica copertina“, e caricarla o da qualche nostro album di foto su Facebook, o anche direttamente dal computer.

Tutte le informazioni anagrafiche ed affine sono racchiuse nel tasto “aggiorna informazioni”, dove sarà quindi possibile sia visualizzare che eventualmente modificare dati come situazione sentimentale, tipo di lavoro, e anche il tab “storia per anno“, dove sono racchiusi le tappe importanti della nostra vita dal punto di vista cronologico, come l’anno di iscrizione all’università, l’anno del nostro primo posto di lavoro, ecc.

Contribuisce alla storia cronologica del nostro diario anche il tasto “avvenimento importante”, che ci permette di categorizzare eventi specifici che dal quel momento cambieranno per sempre la nostra vita. A tal proposito, il tab “casa e stile di vita” ci permette di segnalare il trasloco in una nuova casa, l’arrivo di un nuovo coinquilino, ecc. Il tasto corrispondente, invece, a “salute e benessere” ci permette invece di segnalare la sconfitta di una malattia, la perdita di peso (ideale per chi è sempre in lotta con i chili di troppo), nuove abitudini alimentare, la frattura di un osso, ecc. In ultimo, il tab “viaggi ed esperienze” ci permette di far conoscere al mondo di Facebook magari il nostro primo bacio, o una nuova lingua appresa, l’arrivo di un tatuaggio o della tanto agognata patente, e così via. Va aggiunto che oltre a questi stati preimpostati è possibile anche immettere uno stato personalizzato, scegliendone il titolo e motivandone il contenuto.

Il diario permette inoltre di costruire la nostra timeline anche in maniera più spartana ed immediata: basta infatti selezionare un periodo preciso dalla barra degli anni sulla destra e si potrà, ad esempio, scrivere un commento per i campionati di calcio vinti dalla nazionale Italiana nel 2006, anno in cui magari non si era ancora iscritti a Facebook, in modo da poter in qualche modo condividere con la rete la gioia di quei momenti a distanza di tempo. Lo stesso tipo di operazione può essere fatta con le fotografie: pensiamo alla foto in cui spegniamo le candeline al nostro decimo compleanno, basta fare l’upload della foto e collocarla nella data esatta in questione.

Il fine ultimo del diario di Facebook è di essere quindi un sorta di flashback, nel quale l’utente può tuffarsi per fare, perché no, anche un bilancio della propria vita. Più elementi riusciremo ad inserire nel diario, più la storia della nostra vita ci apparirà dettagliata e ricca di particolari. L’unico neo è dato dalla quasi totale mancanza di privacy data da questa timeline di Facebook, ma bisogna anche al tempo stesso dire far notare che l’iscrizione ad un social network cozzi un po con il concetto di privacy: vale a dire, se inserisco delle informazioni sulla mia vita privata, significa che non mi pesa farle conoscere al mondo, altrimenti che senso ha inserirle?

admin

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *